Oggi vi voglio raccontare del perché in questi due mesi sono sparita dal blog.

La causa, una di quelle giuste, si chiama Umbriainpiedi, anzi #umbriainpiedi .
È bastato un messaggio vocale su WhatsApp per dare il via alla collaborazione tra tuqui.it e Peeking Around. Un blog e una startup turistica che in comune hanno l’amore per l’Umbria e la voglia di fare qualcosa per il turismo del cuore verde d’Italia all’indomani del sisma.
E ci siamo trovate io, Claudia, Bianca e Francesca, a confrontarci sulle strategie, sui colori da scegliere, su come impostare i social e sui contenuti della campagna, partendo dall’idea che l’Umbria è in piedi e per dimostrarlo cercavamo il supporto di tutti.

 


A tenerci sveglie e attive sono stati circa 1000 caffè, mentre siamo state rilassate e loquaci con 500 bicchieri di birra e 400 calici di vino. Ci siamo in pratica nutrite di pizza per pranzo, merenda e cena. Ma non sono mancate nemmeno le colazioni all’alba.

E abbiamo fatto un bel po’ di km in lungo e in largo per l’Umbria fino ad arrivare nelle Marche, a Tolentino, dove abbiamo parlato, tra le altre cose, anche di #umbriainpiedi in pubblico, per la prima volta.

 

Mancano pochi giorni alla fine del contest fotografico che abbiamo organizzato su Instagram e siccome quello che stiamo facendo in questo ultimo mese richiede post a parte, ho voluto raccontarvi l’inizio di questa storia con un capitolo a sé.

 

E fin da ora ringrazio le mie compagne di viaggio di #umbriainpiedi, perché senza di loro sarei stata ancora a chiedermi come fare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *